Este: Storia e localizzazione

Este sorge in provincia di Padova ai piedi dei Colli Euganei. La città di Este deve il suo toponimo al fiume Adige, Athesis per I Romani, che scorreva in questo territorio fino al 589, quando la celebre rotta ricordata da Paolo Diacono ne spostò il corso di qualche chilometro più a sud.

Dopo il crollo dell’Impero romano, l’abitato di Este subì un rovinoso attaco da parte delle truppe di Attila, riducendosi a un semplice villaggio rurale. La città rinacque dopo il mille, raccogliendosi intorno al castello del suo feudatario Azzo, poi Azzo II d’Este. I Signori di Este, dopo aver ottenuto il titolo marchionale, diedero vita ad una delle principali dinastie italiane e trasferirono la loro capitale a Ferrara (1239).

Conquistata per ben due volte da Ezzelino da Romano, che ne fece distruggere il Castello (1238 e 1249), Este nel XIV secolo fu contesa fra gli Scaligeri, I Carraresi ed I Visconti fino all’atto di spontanea sottomissione a Venezia nel 1405, che segnò l’inizio di un lungo periodo di pace. Durante la dominazione di venezia la città conobbe un periodo di ricchezza economica e sviluppo demografico, purtroppo interrotto dallla drammatica pestilenza del 1630.

La risistemazione amministrativa voluta da Napoleone e l’affermarsi di una classe media diedero nuovo impulso alle municipalità, che promossero iniziative di notevole interresse, quali la nascita del Museo nazionale Atestino e l’apertura delle scuole pubbliche.

Lo sviluppo di Este proseguì anche dopo l’annessione al regno d’Italia.

XPLAY Agenzia Web